ISTITUZIONE DEL LIBRETTO DI IMPIANTO PER CONDIZIONATORI, POMPE DI CALORE

ISTITUZIONE DEL LIBRETTO DI IMPIANTO PER CONDIZIONATORI, POMPE DI CALORE

CHI RIGUARDA: Chi utilizza apparecchiature di refrigerazione e/o di condizionamento d’aria e/o pompe di calore di cui al Reg. CE n° 2037/2000 contenenti sostanze controllate (sostanze lesive dell’ozono atmosferico) in quantità superiore ai 3 kg.

COSA RIGUARDA: L’istituzione di un libretto di impianto sul quale registrare le operazioni di recupero e di riciclo delle sostanze controllate.

SCADENZA: Già in vigore RIFERIMENTI: DPR 15/02/2006, n°147 

 

Riteniamo utile ricordare alle Imprese che utilizzano apparecchiature di refrigerazione e di condizionamento d’aria e pompe di calore che il DPR 15/02/2006, n°147 prevede che:

Proroga all’avvio dell’operatività del Registro FGAS

Proroga all’avvio dell’operatività del Registro FGAS

L’avvio dell’operatività del Registro Telematico FGAS è differito di 60 giorni.

Il Decreto del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare del 12 aprile stabilisce che l’avvio dell’operatività del Registro telematico delle persone e delle imprese certificate, che il decreto del 31 gennaio 2013 aveva fissato al 12 aprile 2013, è differito di 60 giorni.

Decreto 12 aprile 2013

il Patentino del Frigorista – Corsi di preparazione e Certificazione

il Patentino del Frigorista – Corsi di preparazione e Certificazione

Come è noto,  in data 11 febbraio 2013 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Comunicato del Ministero dell’Ambiente che istituisce il Registro FGAS di cui Dpr. n° 43/2012. Lo stesso recepisce il regolamento (CE) n. 842/2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra (regolamento sugli F-gas). 

Ne consegue che sono interessati dal regolamento vari soggetti, tra cui i fabbricanti ed operatori che eseguono attività di Istallazione, manutenzione, riparazione, controllo e recupero in ambito delle apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore in cui i gas fluorurati sono utilizzati come refrigeranti.

FORMAZIONE

Alcuni consigli per ridurre i consumi, risparmiare ed aiutare l’Ambiente

Alcuni consigli per ridurre i consumi, risparmiare ed aiutare l’Ambiente

Con l’arrivo del freddo si accendono i riscaldamenti e torna a far sentire il suo peso sul portafoglio la bolletta del gas. Se da un lato il prezzo dell’energia aumenta, trainato dal caro-greggio, dall’altro è possibile ridurre il consumo (e la bolletta) adottando comportamenti più razionali. Il riscaldamento è una delle principali spese di gestione di una casa. Si stima che ogni famiglia spenda ogni anno circa 1.300-1.500 euro sulla bolletta del gas per il riscaldamento. A questo si aggiunge il costo della caldaia e della manutenzione. E’ quindi opportuno utilizzare con moderazione il riscaldamento in casa. Ecco una lista di consigli pratici per ridurre la spesa del riscaldamento:

La Manutenzione, una sana equazione per la sicurezza e la tutela dell’Ambiente

La Manutenzione, una sana equazione per la sicurezza e la tutela dell’Ambiente

Caldaia efficiente = + Sicurezza + Risparmio – Inquinamento

Una caldaia efficiente dà tanti benefici. Le famiglie italiane sono responsabili del 27 % delle emissioni di gas inquinanti nel paese e il 10% viene dagli impianti di riscaldamento. Bastano un po’ di attenzione e semplici gesti per garantire ai nostri figli un mondo migliore e sicuro. La manutenzione degli impianti è obbligatoria, ma soprattutto un segno di civiltà.

Al cittadino-Utente la manutenzione serve per:

  • garantire maggiore sicurezza contro il rischio di incidenti domestici (esplosioni, incendi ed intossicazioni);
  • ridurre la spesa di combustibile, con minori consumi energetici;
Servizio di Manutenzione Impianto di Climatizzazione

Servizio di Manutenzione Impianto di Climatizzazione

La Manutenzione di un Climatizzatore o di un Impianto realizzato adhoc è una cosa seria,  perchè può preggudicare la vita di funzionamento dell’impianto stesso e delle macchine. La corretta manutenzione degli impianti di condizionamento è un’attività molto delicata, che deve rispettare particolari standard qualitativi.
Inoltre, non effettuare la manutenzione prima del passaggio stagionale può creare  problemi alla salute. L’Organizzazione mondiale della Sanità ha stimato che circa il 30% degli impianti di condizionamento dell’aria sia affetto da problemi tali da creare disturbi alla salute delle persone che vivono all’interno degli ambienti climatizzati. Questo avviene perchè non viene effettuata una adeguata manutenzione degli impianti di condizionamento.
Per una corretta manutenzione degli impianti di condizionamento all’interno di un’abitazione, di un’ufficio o altro mbiente andrebbero eseguite le seguenti attività:
  • CONTROLLO STRUTTURALE UNITA’ ESTERNA